Opzioni Vegetariane de Il Covo del Ribelle

Siete vegetariani e non sapete cosa potete mangiare a Il Covo del Ribelle? O volete semplicemente provare qualche specialità veggie ricca di gusto e di sapore della tradizioni? Scoprite le nostre molteplici proposte vegetariane, per una pura esperienza a tema Il Covo del Ribelle, ma 100% veggie.

CHIMICHANGA VEGETARIANA

Tortilla ripiena di formaggio, zucchine, peperoni, carote, chiusa a fagottino e poi fritta. Servita con insalata, pomodori e sour cream.

FLAUTAS VEGETARIANA

Tortillas ripiene di cipolla, peperoni e formaggio, arrotolate e poi fritte.

JALAPEÑOS DE QUESO

Peperoncini messicani dolci ripieni di formaggio cheddar, pastellati e poi fritti.

NACHOS DE QUESO Y JALAPEÑOS

Patatine di mais servite con formaggio fuso e peperoncini jalapeños piccanti.

NACHOS VEGETARIANOS

Patatine di mais servite con zucchine, peperoni, carote e cipolla speziati, formaggio fuso, fagioli messicani e jalapeños, accompagnati da sour cream.

FAJITAS VEGETARIANA

Carote, peperoni, cipolla e zucchine saltati in padella. Il tutto servito in una ghisa bollente, accompagnato da una pannocchia speziata e un contorno di riso, insalata, pomodori, fagioli neri messicani, formaggio, tortillas e salse.

QUESADILLA VEGETARIANA

Tortilla di grano tenero ripiena di formaggio, zucchine, carote, peperoni e cipolla, piegata a metà e grigliata. Accompagnata da riso, insalata, pomodori, sour cream e formaggio.

BURRITO VEGETARIANO

Tortilla di grano tenero ripiena di cipolla, zucchine, carote, peperoni, riso e formaggio. Accompagnato da riso e fagioli neri messicani

ENCHILADA VEGETARIANA

“Cannelloni” alla messicana: due tortillas ripiene di carote, peperoni, zucchine, cipolla, formaggio e salsa al pomodoro piccante. Servite con un topping di salsa al pomodoro e formaggio, il tutto accompagnato da insalata, pomodoro, sour cream, riso, formaggio, fagioli e salse.

PLATO VEGETARIANO

Misto di assaggi vegetariani del “Covo”: burritino vegetariano, fagioli neri messicani, pannocchia speziata, papas rancheras e fajitas vegetariana. Il tutto accompagnato da insalata, pomodori, formaggio, tortillas e salse.


Tutti Pazzi per la Guacamole!

La guacamole è uno dei contorni messicani più amati in tutto il mondo: scoprite la sua storia, la ricetta e le varianti più famose!

 

STORIA

__________

La guacamole è una salsa messicana a base di avocado la cui ricetta risale al tempo degli Atzechi. La ricetta originale del guacamole era costituita dalla sola purea di avocado miscelata con succo di lime e sale, ma con l’andare del tempo è stata arricchita, fino ad arrivare ai giorni nostri, dove sono presenti numerose varianti. Il termine deriva dallo spagnolo messicano attraverso un prestito dalla lingua nahuatl: AhuacaMolli (da Ahuacatl = “avocado” più molli = “salsa”). Esiste anche uno strumento tradizionale apposito per preparare il guacamole che si chiama “molcajete“, una mortaio con pestello che serve a schiacciare gli ingredienti.

VARIANTI FAMOSE
_________

Ricetta della Salsa Guacamole【Ricetta Originale Messicana】

Ecco alcune famosi varianti: Guasacaca: quella venezuelana, che prevede che l’avocado venga mescolato con dell’aceto.
Burro dei poveri: inventato dagli spagnoli, composto da avocado, pomodoro, succo di limone e oli.
Guacamole Tex-Mex: con aggiunta di maionese o panna acida.

INGREDIENTI DELLA RICETTA ORIGINALE
____________

Guacamole - le ricette di lacucinavegetariana.it

La ricetta originale azteca prevede:

un avocado maturo

succo di lime (in mancanza del lime si può sostitutire con succo di limone)

un pizzico di sale

aggiunta successiva: peperoncino jalapeno

È possibile anche aggiungere un pò di pomodorini tagliati a cubetti, un pò di cipolla bianca e un pò di prezzemolo.

 


Burrito de Carnitas: il Nuovo Fuori Menù de Il Covo del Ribelle

Un ritorno atteso.
Un fuori menù tutto da scoprire, o da riscoprire.

 

Il BURRITO DE CARNITAS è ora disponibile nei locali de Il Covo del Ribelle.

 

Tortilla di grano tenero farcita con carnitas de cerdo, riso, formaggio, nopales, cipolla e coriandolo.
Preparato, come da tradizione, arrotolato su se stesso e grigliato, accompagnato da insalata, pomodori, sour cream e fagioli.

 

Per informazioni e prenotazioni:
VICENZA – 0444303888
ROSÀ – 0424580322


Covo del Ribelle: le Aggiunte al Menù

TACOS DE PULPO

TOSTADA DE TINGA


A la Parrilla: Tutte le Proposte de Il Covo del Ribelle

Voglia di… Specialità della tradizione messicana alla griglia?!

Ci pensa Il Covo del Ribelle a soddisfarvi con proposte ricche di gusto e sapore. Ecco cosa troverete nel nostro menù:

 

MEXICAN BURGER

Pane artigianale aromatizzato al chile chipotle e hamburger leggermente piccante preparato con 100% carne di Sorana, cipolla, coriandolo e chipotle serviti con pomodoro, formaggio, cipolla e guacamole fresca. Accompagnato da papas fritas aromatizzate e salsa BBQ.

 

SOLOMILLO DE BUEY

Filetto d’Angus (225 g circa) grigliato e servito su una ghisa bollente, accompagnato da papas rancheras, fagioli neri messicani, cipolla speziata, tortillas e salse.

 

Vi aspettiamo nei nostri locali di Vicenza e Rosà!


Dia de Los Muertos: Storia e Fascino di una Tradizione Tutta da Scoprire

Il Dia de Los Muertos è senza dubbio una delle feste messicane più conosciute in assoluto: quale occasione migliore di oggi, il 2 Novembre, per approfondire storia e tradizioni di questa festività ricca di simboli e significati?

 

SIGNIFICATO E RICORRENZA

__________

Il Dia de los Muertos ricorre nello stesso periodo della commemorazione dei defunti cattolica, sebbene duri più a lungo, dal 25-28 ottobre al 2-3 novembre. Ogni giornata è dedicata a diverse tipologie di defunti: il 28 ottobre ai morti per incidente o cause violente, il 29 ai morti per annegamento, il 30 alle anime solitarie o dimenticate, il 31 ai mai nati o morti prima del battesimo, l’1 novembre ai bambini morti, l’1 e il 2 novembre al ritorno dei defunti sulla terra.

L’atmosfera è completamente diversa dalla commemorazione cattolica perché i morti in Messico non corrispondono a un'idea di tristezza: si ritiene infatti che in questo momento dell’anno possano raggiungere i propri cari seguendo la scia di profumo dei Cempasùchil, dei fiori i cui petali arancioni e gialli in questa occasione vengono cosparsi ovunque per permettere alle anime dei propri cari di tornare a casa. In tutto il Messico si festeggia in pompa magna, con danze, manifestazioni e costumi variopinti: in questo periodo dell'anno, una grande folla di persone si riversa nelle strade e nelle piazze pubbliche a tutte le ore del giorno e della notte!

 

ORIGINI

___________

dia-de-los-muertos-tradizione

Il Dia de Los Muertos risale come origine ai tempi degli Aztechi e dei Toltechi. Per queste culture pre-ispaniche, la morte era una fase naturale del cerchio della vita e i defunti venivamo comunque considerati parte della comunità, tenuti in vita grazie alla memoria e capaci di tornare sulla terra durante il Dia de los Muertos. In Europa invece, Il Giorno dei Morti ebbe origine durante il IX secolo e venne introdotto in America Latina dai Conquistadores Spagnoli, andando a fondersi con la concezione azteca della morte e del ritorno alla vita.

Tutto il Messico celebra questa festività ma i metodi e i costumi differiscono a seconda della cultura predominante della regione: le festività più colorate si hanno nella regione meridionale, in particolare negli stati di MichoacánOaxaca e nel Chiapas. Nel 2008 infine, l’UNESCO ha aggiunto il Dia de los Muertos alla sua lista di patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

L'OFRENDA

_________

Il fulcro della celebrazione è un altare, o ofrenda, che viene allestito non solo nelle case private e nei cimiteri, ma anche nelle piazze. Essi rappresentano la porta tra la vita e la morte e hanno lo scopo di accogliere gli spiriti nel regno dei vivi; sono sempre carichi di offerte per i defunti, come acqua, cibo, foto di famiglia e una candela per ogni parente morto. Ogni elemento decorativo ha un significato ben preciso. Altri oggetti che sono collocati sull’altare includono teschi di zucchero, il pan de Muertos, e ovviamente i cempasuchil, i fiori che costituiscono la via dall'Aldilà alla Terra. In alcune comunità, è consuetudine trascorrere l’intera notte nel cimitero, durante la quale si cena, si suona, si parla e si beve in allegria!

 

CALAVERAS

__________

I calaveras (teschi) sono uno dei simboli del Dia de Los Muertos e, nella cultura messicana, fungono da memento mori, da celebrazione della vita e della mortalità, del passato e del futuro. Sono un modo per riconoscere che la vita è sacra, e che la morte è solo un rito di passaggio che non deve essere temuto o evitato, ma piuttosto abbracciato e festeggiato. Durante i il Dias de Los Muertos, i calaveras... si mangiano! Sono infatti dei tradizionali dolci di zucchero a forma di teschio che vengono anche posti anche come offerta sugli altari commemorativi.

Una calavera iconica è indubbiamente la Calvera Catrina, la Signora del giorno dei Morti: rappresentata in abiti francesi e con un grande cappello, è la regina degli Inferi che protegge le ossa dei morti.

 

E IL CIBO?

___________

Dopo il lungo viaggio per tornare dalla loro famiglia, gli spiriti sono affamati e assetati e, per dare loro sollievo, i Messicani sono soliti preparare loro cibo e acqua, che pongono sugli altari per onorare i loro cari. Tra i piatti iconici troviamo il Pan de Muertos, un tipico pane dolce (pan dulce), spesso caratterizzato da semi di anice e decorato con ossa e teschi fatti con la pasta. Tra le bevande invece, troviamo la pulque, una dolce bevanda fermentata ricavata dalla linfa dell’agave, e infine l’atole, un porridge caldo fatto con farina di mais, zucchero di canna, cannella e vaniglia, accompagnato da cioccolata calda.