Dia de Los Muertos: Storia e Fascino di una Tradizione Tutta da Scoprire

Il Dia de Los Muertos è senza dubbio una delle feste messicane più conosciute in assoluto: quale occasione migliore di oggi, il 2 Novembre, per approfondire storia e tradizioni di questa festività ricca di simboli e significati?

 

SIGNIFICATO E RICORRENZA

__________

Il Dia de los Muertos ricorre nello stesso periodo della commemorazione dei defunti cattolica, sebbene duri più a lungo, dal 25-28 ottobre al 2-3 novembre. Ogni giornata è dedicata a diverse tipologie di defunti: il 28 ottobre ai morti per incidente o cause violente, il 29 ai morti per annegamento, il 30 alle anime solitarie o dimenticate, il 31 ai mai nati o morti prima del battesimo, l’1 novembre ai bambini morti, l’1 e il 2 novembre al ritorno dei defunti sulla terra.

L’atmosfera è completamente diversa dalla commemorazione cattolica perché i morti in Messico non corrispondono a un'idea di tristezza: si ritiene infatti che in questo momento dell’anno possano raggiungere i propri cari seguendo la scia di profumo dei Cempasùchil, dei fiori i cui petali arancioni e gialli in questa occasione vengono cosparsi ovunque per permettere alle anime dei propri cari di tornare a casa. In tutto il Messico si festeggia in pompa magna, con danze, manifestazioni e costumi variopinti: in questo periodo dell'anno, una grande folla di persone si riversa nelle strade e nelle piazze pubbliche a tutte le ore del giorno e della notte!

 

ORIGINI

___________

dia-de-los-muertos-tradizione

Il Dia de Los Muertos risale come origine ai tempi degli Aztechi e dei Toltechi. Per queste culture pre-ispaniche, la morte era una fase naturale del cerchio della vita e i defunti venivamo comunque considerati parte della comunità, tenuti in vita grazie alla memoria e capaci di tornare sulla terra durante il Dia de los Muertos. In Europa invece, Il Giorno dei Morti ebbe origine durante il IX secolo e venne introdotto in America Latina dai Conquistadores Spagnoli, andando a fondersi con la concezione azteca della morte e del ritorno alla vita.

Tutto il Messico celebra questa festività ma i metodi e i costumi differiscono a seconda della cultura predominante della regione: le festività più colorate si hanno nella regione meridionale, in particolare negli stati di MichoacánOaxaca e nel Chiapas. Nel 2008 infine, l’UNESCO ha aggiunto il Dia de los Muertos alla sua lista di patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

L'OFRENDA

_________

Il fulcro della celebrazione è un altare, o ofrenda, che viene allestito non solo nelle case private e nei cimiteri, ma anche nelle piazze. Essi rappresentano la porta tra la vita e la morte e hanno lo scopo di accogliere gli spiriti nel regno dei vivi; sono sempre carichi di offerte per i defunti, come acqua, cibo, foto di famiglia e una candela per ogni parente morto. Ogni elemento decorativo ha un significato ben preciso. Altri oggetti che sono collocati sull’altare includono teschi di zucchero, il pan de Muertos, e ovviamente i cempasuchil, i fiori che costituiscono la via dall'Aldilà alla Terra. In alcune comunità, è consuetudine trascorrere l’intera notte nel cimitero, durante la quale si cena, si suona, si parla e si beve in allegria!

 

CALAVERAS

__________

I calaveras (teschi) sono uno dei simboli del Dia de Los Muertos e, nella cultura messicana, fungono da memento mori, da celebrazione della vita e della mortalità, del passato e del futuro. Sono un modo per riconoscere che la vita è sacra, e che la morte è solo un rito di passaggio che non deve essere temuto o evitato, ma piuttosto abbracciato e festeggiato. Durante i il Dias de Los Muertos, i calaveras... si mangiano! Sono infatti dei tradizionali dolci di zucchero a forma di teschio che vengono anche posti anche come offerta sugli altari commemorativi.

Una calavera iconica è indubbiamente la Calvera Catrina, la Signora del giorno dei Morti: rappresentata in abiti francesi e con un grande cappello, è la regina degli Inferi che protegge le ossa dei morti.

 

E IL CIBO?

___________

Dopo il lungo viaggio per tornare dalla loro famiglia, gli spiriti sono affamati e assetati e, per dare loro sollievo, i Messicani sono soliti preparare loro cibo e acqua, che pongono sugli altari per onorare i loro cari. Tra i piatti iconici troviamo il Pan de Muertos, un tipico pane dolce (pan dulce), spesso caratterizzato da semi di anice e decorato con ossa e teschi fatti con la pasta. Tra le bevande invece, troviamo la pulque, una dolce bevanda fermentata ricavata dalla linfa dell’agave, e infine l’atole, un porridge caldo fatto con farina di mais, zucchero di canna, cannella e vaniglia, accompagnato da cioccolata calda.


All About the Nachos, i Triangoli di Mais Fritti più Amati al Mondo

Solo a sentire la parola "nachos" ci viene l'acquolina in bocca: ammettiamolo, questi irresistibili snack accompagnati da formaggio fuso, guacamole, carne o pomodori sono una vera e propria droga (alzi le mani chi non riesce a fermarsi come noi se inizia a mangiarne 🙌🏼)! Ecco qualche informazioni in più su questo piatto della tradizione messicana tanto amato.

I nachos sono un piatto abbastanza recente, in quanto risalgono al 1943, e l'uomo a cui dobbiamo essere grati per averli inventati è Ignacio Anaya, detto "Nacho". Ignacio lavorava come maitre nel ristorante messicano "Victory Club" a Piedras Negras, al confine con il Texas. Un giorno, si fermarono a pranzo alcune donne, mogli di alcuni soldati americani che prestavano servizio in una base militare lì vicina, e Ignacio, per soddisfare la loro fame e per stupirle, si inventò questa ricetta tagliando delle tortillas di mais in triangoli sottili e servendole con formaggio fuso e peperoncini jalapenos. Le donne rimasero estremamente colpite e gli chiesero il nome di quel piatto, che Ignacio denominò "Special Nachos".

 Per oltre vent'anni la fama dei nachos crebbe a dismisura fino al momento in cui Frank Liberto ebbe l'idea di proporli come snack durante le partite di baseball all'Arlington Stadium: fu l'inizio di una consacrazione destinata a durare nel tempo. Nel 1950 la ricetta dei nachos entrò nel libro di cucina tradizionale messicana e il 21 ottobre, giorno della nascita di Nacho Anaya, è stato dichiarato l'International Day of Nachos.

Dalla ricetta originaria dei nachos, che prevedeva solo formaggio fuso e jalapenos, oggi si trovano tantissime varianti in commercio: dai nachos cosparsi di chili con carne, a quelli accompagnati da salumi, chorizo o bacon. Per i vegetariani invece, le ricette prevedono l'uso di fagioli, spinaci, cipolle, lattuga, crema di melanzane, guacamole, peperoni, olive e pomodori. Insomma, nessuno rischia di rimanere a stomaco vuoto quando si parla di nachos!


Dolce Tentazione: 5 Dessert della Tradizione Messicana da Assaggiare!

Questa settimana abbiamo celebrato il Dessert Day, quale momento migliore dunque per un approfondimento sugli irresistibili dolci della tradizione messicana? Rimpinzatevi di tacos quanto volete, ma non dimenticatevi di lasciare lo spazio per un dessert, o meglio ancora, per 5! ;) Vi aspettiamo a Il Covo Del Ribelle per scoprire quelle che invece sono le nostre proposte, da leccarsi i baffi 😋

FLAN

__________

Non lasciatevi ingannare, il flan è uno dei dolci più popolari del Messico: questo sformato "instabile", ricoperto di salsa caramellata, si è diffuso prima in Spagna e in seguito in Messico, dove sono stati create nuove combinazioni di sapori. Una variante piuttosto famosa é la jericalla, originaria di Guadalajara: il nome proviene dal luogo di nascita spagnolo - Jérica - di una delle suore che per prima aveva cucinato questo dessert nel quartiere di San Juan de Dios, a Guadalajara.

COCADA

__________

Spesso venduti in spiaggia, i cocoda sono un dessert messicano largamente diffuso, e sono altrettanto famosi anche in altre parti del Sud America: questo dolcetto a base di cocco grattuggiato è tipico della zona di Colima, tra i principali stati di produzione di cocco in Messico. La cocada si prepara in diverse varianti, ma la più conosciuta è la più semplice, ossia quella che prevede cocco grattuggiato, latte, zucchero, uova e mandorle tritale.

CHURROS

___________

È vero, i churros sono tipicamente spagnoli, ma sono molto diffusi anche in Portogallo, Francia e, ovviamente, in Messico! I venditori di Churro sono ovunque lungo le strade messicane e la variante popolare del churro standard, che prevede la pastella fritta ricoperta di zucchero semolato, è la churro rellenoo churro ripieno: i ripieni più famosi sono cajeta (simile al dulce de leche), cioccolato o vaniglia.

TAMALES DULCES

__________

I tamales, degli involtini fatti con la foglia di mais ripieni, sono un piatto messicano tra i più conosciuti: sono noti per le versioni salate, tuttavia esistono anche nella variante dolce. I riempimenti più diffusi sono quelli che prevedono ananas, cioccolato, fragola, frutta secca, marmellata o miele. Insomma, c'è l'imbarazzo della scelta!

PAN DE ELOTE

__________

Il pan de elote è un dolce a base di mais tipico di tutto il Messico. Data l'importanza del mais nella cucina messicana tradizionale, non c'è da sorprendersi che venisse impiegato anche per la creazione di dolci: l'impasto comprende burro, latte, farina di mais, zucchero, lievito, vaniglia e pannocchie sgusciate; il tutto viene poi amalgamato e informato per ottenere questo pan dolce morbido e squisito!


Día de la Raza: Breve Excursus Storico

Il Día de la Raza equivale al Columbus Day americano, nato per celebrare il giorno dell'arrivo di Cristoforo Colombo nel Nuovo Mondo il 12 ottobre 1492. Conosciuto in alcune aree dell'America Latina anche come Dia de la Hispanidad, è stato celebrato per la prima volta in Messico nel 1928 su iniziativa di José Vasconcelos, con un significato di mescolanza e sincretismo culturale. Questa festa si teneva anche in Spagna fino al 1958, quando il suo nome fu cambiato definitivamente in "Día de la Hispanidad", ma la denominazione (e la conseguente modalità di festeggiamenti) si presenta diversa in molti paesi del Sud America.

La denominazione iniziale venne data dal ministro spagnolo Faustino Rodríguez-San Pedro, che nel 1913 pensò a una celebrazione per unire Spagna e America Latina, la cui data prescelta venne fissata al 12 ottobre. Il testo che accompagnò l'annuncio della festività recita: "Questo è il motivo per cui è stata promossa dall'Unione Ibero-Americana, ossia quello di commemorare la data della scoperta dell'America, in modo che sia allo stesso tempo un omaggio alla memoria dell'immortale Cristoforo Colombo e un modo per esternare l'intimità spirituale tra la scoperta e la civiltà della nazione spagnola e quelle formate sul suolo americano, oggi Stati prosperi".


Taco Day: Storia, Curiosità e Varianti dei "Leggendari" Tacos

Solo a sentire la parola "Tacos" ci viene un certo languorino... E non c'è giorno migliore per parlare di questo piatto tradizionale messicano di oggi, in quanto il 4 Ottobre si celebra il Taco Day! Scoprite qui la storia e alcune curiosità sui tacos, mentre per soddisfare la vostra voglia vi aspettiamo a cena con le nostre varianti calienti ;)

STORIA

__________

I tacos sono un piatto tradizionale famoso non solo in Messico, ma in tutto il mondo, essendo una testimonianza della storia di questo paese: basti pensare che uno degli ingredienti base dei tacos, il mais, veniva usato già dai Maya e dagli Aztechi per le loro ricette; era considerato un alimento sacro, a tal punto da credere che gli dei avessero plasmato l’uomo proprio dal mais.

Nel corso dei secoli, le ricette Maya hanno subito l’influenza della cucina spagnola portata dai conquistadores e proprio i tacos racchiudono gran parte di questa storia ricca di contaminazioni: mais, fagioli e peperoncini sono caratteristici delle civiltà precolombiane mentre il consumo della carne, anche per mezzo dei tacos, è aumentato in seguito alle invasioni spagnole. I tacos sono poi conditi con aromi, salse gustose e spezie che rendono il risultato irresistibile.

Pensate che alla cucina messicana è stato addirittura attribuito lo status di “patrimonio immateriale dell’Umanità”, titolo assegnatole dall’UNESCO nel 2010 per il fatto che questa tradizione culinaria ha tramandato fino ad oggi usanze di secoli fa. Ancora oggi infatti, molti piatti e varianti di tacos vengono preparati con tecniche millenarie.

 

VARIANTI

_________

I tacos si presentano in molte versioni: quella con la carne è una delle più conosciute, ma le varianti sono infinite, da quelle vegetariane a quelle con il pesce o con i crostacei per arrivare alle sperimentazioni più audaci, che abbinano ad esempio frutta e spezie. Per i più avventurosi, esistono anche i tacos con ripieno di carne di insetti: cavallette, vermi bianchi e rossi o larve di formica.

Attraverso un metodo molto diffuso, i tacos una volta cotti vengono stratificati in un cestello di tessuto rivestito con plastica per trattenere il calore. A questo punto vengono ricoperti di grasso di maiale, cipolle crude, olio e poi racchiuso nel cestino. Gli ingredienti tradizionali per i tacos comprendono purè di patate, fagioli, cotenne di maiale pressate e varie salse e spezie. Non esiste un “taco messicano archetipico, in quanto ogni regione presenta la propria varietà, una buona scusa per girare il paese in lungo e in largo per assaggiarle tutte!

 

UN'ULTIMA CURIOSITÀ...

__________

I messicani mangiano talmente tanti tacos che l'espressione “echarse un taco (farsi un taco) è diventata sinonimo di "mangiare", mentre la frase “Le echas mucha crema a tus tacos” (Hai aggiunto un sacco di panna acida per i tacos), significa metaforicamente che qualcuno si ritiene migliore di quello che è!


Cucina Messicana: i 4 Piatti "Strani" da Provare Assolutamente

Se diciamo "Messico" il vostro stomaco urlerà d'istinto "tacos, nachos, burritos!", ma la verità è che questo paese è dotato di una cultura culinaria vastissima, pronta a sorprendervi con sapori e piatti inaspettati (a tratti anche "strani") ma assolutamente deliziosi! Riusciranno i nostri 4 suggerimenti a suscitare in voi la curiosità di assaggiarli?  Nota bene: si tratta di un approfondimento sulla cucina messicana ma non sono inclusi nel nostro menù.

 

POZOLE

__________

Partiamo in realtà con un piatto tradizionale ma forse meno conosciuto, ossia il pozole, uno stufato di granturco cotto che può essere servito con carne, cavolo, peperoncino, cipolla, spezie o aromi. Si tratta di uno dei più antichi piatti del Messico: risale infatti al periodo azteco e si pensa che in principio la carne utilizzata per il pozole fosse umana... Ma non temete, oggigiorno si usa solo (o quasi) quella del maiale!

 

 NOPALES

_________

Avete mai pensato di assaggiare le foglie dei cactus? Perchè in Messico le mangiano e anzi, è uno dei piatti locali più deliziosi! I nopales sono foglie di cactus servite o crude o grigliate: sono ricche di proteine e vengono utilizzate anche nel campo della medicina per le loro proprietà benefiche. Ne esistono più di 114 specie e non dovete temere, le spine vengono prima rimosse!

 

CHAPULINES

__________

La situazione inizia a farsi interessante: siamo infatti giunti ai Chapulines, ovvero, le cavallette. Avete letto bene, cavallette: questi insetti, dopo essere stati puliti e lavati, vengono tostati sulla piastra e conditi con aglio, succo di lime e sale. Sono ritenute molto appetitose e croccanti e noi, a questo proposito, vogliamo darvi un consiglio: mangiatele con gli occhi chiusi per non pensare alla loro "natura"!

 

HUITLACOCHE

________

Arriviamo infine al cibo più "disgustoso" della lista: parliamo dello huitlacoche, un fungo che si sviluppa nelle pannocchie e che produce delle malformazioni dal colore grigio/nerastro. In altre parti del mondo é considerato una piaga, mentre in Messico fa parte da sempre dell’alimentazione locale. Non lasciatevi ingannare dal loro aspetto, questi funghi hanno in realtà un sapore delicato e leggermente affumicato perfetto da gustare come ripieno dei tamales o nello stufato. Come se non bastasse, vengono addirittura serviti come dolce!


Ciak, Si Gira! - I 5 Film Ambientati in Messico da Vedere Assolutamente

Il Messico, terra di sapori, tradizioni, cultura e artisti immortali... Ma anche di registi e film che hanno fatto la storia del cinema e della terra messicana! Scopriamo insieme i 5 migliori film ambientati in Messico da vedere assolutamente ;)

 

"Passione ribelle" (2000)

__________

ll film, tratto dal romanzo di Cormac McCarthy "Cavalli selvaggi", è ambientato nel 1949: protagonista è il cow boy texano John Grady Cole (Matt Damon) che, vedendo il mondo cambiare troppo in fretta, parte per il Messico col suo amico Lacey, dove spera di trovare una terra selvaggia buona anche per i cavalli. In principio le cose sembrano funzionare, in quanto trova ranch, lavoro presso l'azienda di Don Hector Rocha e anche l'amore con la figlia del padrone Alejandra (Penelope Cruz), ma la situazione ben presto precipita: John viene accusato ingiustamente di omicidio e il padre della ragazza fa di tutto per allontanarlo da lei...Riuscirà a raggiungere la felicità e la tranquillità?

 

"FRIDA" (2002)

__________

Salma Hayek ha incantato il mondo con la sua interpretazione della pittrice Frida Kahlo, ripercorrendone la vita da quando era studentessa fino agli ultimi anni: il film indaga il processo creativo dell'artista e il suo rapporto con la fama, i suoi viaggi, i suoi legami d'amicizia con alcune personalità rilevanti del tempo e, soprattutto, il suo amore burrascoso con Diego Rivera che, dopo un inizio idilliaco, si rivela fonte di infelicità per Frida; tuttavia, nonostante tutti i tentativi e tradimenti, Frida non riuscirà mai a lasciare andare completamente Diego, in un rapporto "odi et amo" divenuto immortale, proprio come le sue opere.

 

"SIN NOMBRE" (2009)

__________

Willy, soprannominato El Casper, è un membro della banda Mara Salvatrucha e vive a Tapachula, una città messicana vicino al confine con il Guatemala: insieme al giovane nuovo adepto della banda, Smiley, rapinano uno stabile lungo i binari del treno, dove alcuni potenziali immigrati clandestini si sono nascosti in attesa di proseguire il viaggio verso gli Stati Uniti. Tra gli immigrati c'è una famiglia dell'Honduras composta dalla giovane Sayra, suo padre e suo zio, che stanno cercando di raggiungere i parenti nel New Jersey. In seguito a una serie di tragici eventi, Casper e Sayra si avvicinano sempre di più, e decidono di fuggire insieme dal loro passato e dai rispettivi problemi, nel disperato tentativo di attraversare il confine per iniziare una nuova vita.

 

"APOCALYPTO" (2006)

__________

"Una grande civiltà non viene conquistata fino a quando non si distrugge da sola dal di dentro". L'epico film di Mel Gibson (in lingua maya con sottotitoli) è ambientato in un'epoca precedente all'arrivo dei conquistadores nello Yucatán, e mostra come le civiltà locali fossero già alla deriva, in una foresta che non conosce tregua o pietà. Protagonista è il giovane maya Zampa di Giaguaro che vive in modo primordiale: quando il suo villaggio viene distrutto da una tribù rivale, Zampa di Giaguro viene fatto prigioniero per essere sacrificato al dio del sole. Riuscito a fuggire miracolosamente, viene inseguito dai nemici: dovrà lottare con tutte le sue forze per sopravvivere alla violenza della natura e dell'uomo e per riuscire a tornare dalla sua famiglia.

 

"ROMA" (2018)

__________

Messico, 1970. Roma è un quartiere borghese di Città del Messico che affronta una stagione di grande instabilità economico-politica; in questo clima, Cleo è la domestica india tuttofare di una famiglia benestante che accudisce marito, moglie, nonna, quattro figli e un cane senza tregua. La storia di questa piccola comunità è un pretesto per il regista Alfonso Cuarón di indagare e ritrarre la società del tempo, in un sistema contraddittorio in cui le tensioni sociali non tarderanno a ripercuotersi sul piccolo universo di Cleo e della "sua" famiglia. Girato in bianco e nero, nel film si vede il Messico dell'infanzia del regista e della propria esperienza famigliare, in quanto il personaggio di Cleo è ispirato alla sua tata che lo ha cresciuto con amore e devozione.


"Ghe se de Tuto Aea Fiera del Soco", Anche il Cibo Messicano!

Chi ha detto che bisogna aspettare la prossima estate per rivedere la sabbia? 💥

 

Ci siamo, il conto alla rovescia per la Fiera del Soco 2019 ha ufficialmente inizio! Venerdì 6 settembre infatti, prenderà il via la storica manifestazione grisignanese con un programma ricco di eventi, divertimento e buon cibo, a cominciare dalle specialità messicane, o meglio ancora, del Covo Del Ribelle ;)

Vi aspettiamo alla Fiera fino al 12 settembre per trascorrere insieme delle serate indimenticabili a base di piatti tipici, musica e buona compagnia, praticamente il trio perfetto 😎

Ecco la line up dei dj-set che ci accompagneranno durante la Fiera:

🎶 VENERDI 6 SETTEMBRE (dalle 20.00 a chiusura) Gianmaria Veronese
🎶 SABATO 7 SETTEMBRE (dalle 20.00 a chiusura) GliSpettinati
🎶 DOMENICA 8/ MARTEDI 10/ GIOVEDI 12 SETTEMBRE (dalle 20.00 a chiusura) Ricky Animation
🎶 LUNEDI 9 SETTEMBRE (dalle 20.00 a chiusura) GABRY C
🎶 MERCOLEDI 11 SETTEMBRE (dalle 20.00 a chiusura) Mauro Ross Dj


Alfonso Cuarón, Guillermo del Toro e Alejandro Gonzales Iñárritu: i Three Amigos del Cinema Messicano

Sono messicani, sono nati negli anni '60, 
sono registi premi Oscar ma soprattutto, sono amici da una vita.

Signori e signore, vi presentiamo Guillermo del Toro, Alfonso Cuarón e Alejandro González Iñárritu,
i Three Amigos (si, è scritto correttamente) che hanno segnato la rinascita del cinema messicano.

Cuarón e Iñárritu sono originari di Città del Messico mentre del Toro è di Guadalajara. Cuarón e del Toro lavorarono insieme per la prima volta sul set di "La Hora Marcada" (1986), dove Cuaròn era tecnico degli effetti speciali e del Toro aiuto-regista. In quell'occasione collaborarono con Emmanuel Lubezki, direttore della fotografia e amico di Iñárritu (che al tempo lavorava in radio) che lo presentò agli altri due.

Il primo a fare film fu Cuarón, che nel 1991 diresse "Uno per tutte". Nel 1993 invece, del Toro diresse l’horror messicano "Cronos", mentre negli stessi anni, Iñárritu fece un film per la tv. I primi successi per tutti e tre arrivarono però nei primi anni Duemila: Cuarón diresse "Y tu mamá también" e "Harry Potter e il prigioniero di Azkaban", Iñárritu diresse "Amores perros", "21 grammi" e "Babel", mentre del Toro diresse "Blade II" e "Il labirinto del fauno". Dal 2013 ad oggi, con titoli come "Gravity", "Birdman", "Revenant", "La forma dell’acqua" e "Roma", il trio ha vinto in tutto diciassette Oscar! Nel 2007 inoltre, hanno fondato una casa di produzione cinematografica, la Cha Cha Cha Films, per promuovere i progetti messicani: è anche grazie a loro se si è passati dai 14 film prodotti in Messico nel 2002 ai 170 realizzati nel 2017.

Indubbiamente la carriera di ognuno dei Three Amigos ha beneficiato della presenza degli altri, spingendosi oltre i limiti della tecnologia e della narrazione convenzionale; i tre si danno spesso consigli e sono anche i critici più severi tra loro. A livello di stile, di generi e di carattere tuttavia, rappresentano tre frangenti diversi: Del Toro è uno degli esponenti principale del genere horror e fantasy, Iñárritu è un regista dall'approccio innovativo e sperimentale mentre Cuarón si destreggia tra lo sci-fi e la rappresentazione sociale. I tre sono accomunati da una conoscenza cinematografica enciclopedica, dall'amore per il Messico e... dall'amicizia con Emmanuel Lubezki, che ha condiviso con loro ogni traguardo e momento importante, Oscar per la fotografia inclusi!


Feliz Cumpleaños “Il Covo del Ribelle”!

La passione per il Messico.
La bontà della cucina messicana.
Un’avventura che ha avuto inizio nel 2006 e che ad oggi conta una lista di successi e soddisfazioni uniche: ripercorriamo la storia de "Il Covo del Ribelle" per celebrarne i 13 anni di attività!

 

Il Covo del Ribelle”, il ristorante messicano più famoso di Vicenza e dintorni, nasce il 17 agosto 2006 da un’idea di Alessandro Marin: una decisione che ha richiesto grande lavoro, entusiasmo e impegno, tutti elementi che sono poi stati ricambiati nel tempo dalla fiducia e dall’apprezzamento dei clienti, che ad oggi sanno a chi rivolgersi per assaggiare l’autentico sapore messicano (previa prenotazione consigliata).

Spinti dalla voglia di fare ancora di più, il 21 marzo 2013 apre Il covo del Ribelle a Rosà, un secondo ristorante che sfoggia anche un rilassante giardino estivo. Anche in questo caso, drink e piatti sono pensati per essere gustati in un ambiente che richiama la cultura messicana.

Il menu dei locali presenta un’ampia varietà di scelte, anche vegetariane, vegane, gluten free e per i più piccoli: dagli antipasti come chimichanga e flautas agli immancabili nachos, passando poi per tacos, fajitas, quesadillas e burritos… C’è inoltre la possibilità di scegliere il menù degustazione, per un assaggio generale dei sapori messicani. Ad accompagnare la cena non possono mancare i drink, sia della tradizione che rivisitati in chiave originale: dalla piña colada alla tequila, dai mojito ai daiquri fino all’immancabile margarita e senza dimenticare le birre, per un’esperienza a 360 gradi della cucina del Messico. Oltre a celebrare compleanni, feste o semplicemente per trascorrere una serata particolare, potete approfittare del servizio d’asporto per gustare le nostre specialità direttamente a casa vostra!

E se voleste mettervi alla prova riproducendo i piatti tipici messicani con ingredienti genuini, la soluzione in questo caso ve la propone la Don Josè Alimentaria Srl, nata nell’agosto del 2015. L’azienda artigianale produce le famose tortillas di farina (disponibili in più gusti) e i nachos e importa prodotti messicani, che spaziano dalle salse alle birre.

Ancora buon Compleanno "Il Covo del Ribelle, cheers to the future!